Bonae Novae

​​

La Guarigione che ci Libera


Ci teniamo moltissimo nel confermarti che:

- tutti noi siamo FONDAMENTALMENTE  SANI e che il nostro corpo è capace da sé di reagire e trovare soluzioni.

- che tutte le sostanze o le tecniche davvero utili ci aumentano questa forza di vitalità e reazione

- che le sostanze o le tecniche sbagliate (anche se fanno parte del normale protocollo medico) invece ci tolgono questa forza fino ad eliminarcela

- che è importante capire l’uso, la forza, i limiti, di ogni rimedio o tecnica PRIMA di farne uso. Il fatto che una sostanza nutriceutica, cioè una sostanza che la farmacopea convenzionale non considera medicina, non abbia effetti collaterali, non significa che non serve gestirla con attenzione nel farne uso, e che non sia necessario dosarla in modo che faciliti, potenzi, anche rinnovi il naturale funzionamento dell’organismo, piuttosto che funzionare come una droga che dia soltanto un impulso momentaneo.     

- che è sempre meglio informarci bene prima di metterci nelle mani "certissime" di chi DEVE seguire protocolli unici validi per 10.000 persone diverse, e che sono posti a rischio legale ed assicurativo per ogni variabile che possano mai intraprendere.  Mi spiego meglio: se un paziente sta male sebbene per altri motivi dopo una loro prescrizione, anche se hanno fatto la scelta giusta - ma questa scelta non segue precisamente il protocollo - rischiano il carcere e l’assicurazione non li paga: cosa faresti tu al posto loro?

- Che, ovviamente, nel momento in cui TU segui un protocollo o una via di guarigione qualsivoglia, sia essa convenzionale o non-convenzionale, ti conviene applicarvi la tua fiducia in modo completo.  Credici con tutto te stesso, ogni cosa che assumi ha il migliore effetto per tutto il tuo sistema, perfino l’acqua che bevi ti conviene vederla come una medicina, e se ci riesci funzionerà come tale.


Questi sono i punti importanti del nostro lavoro:


- Incentivare la forza per realizzare il percorso personale, intendendo con questo la vostra vita e gli impegni, la vostra religione e filosofia. 
- Lo sviluppo di abilità e responsabilità della persona, il che significa la scoperta delle capacità creative, del potere personale e del modo per condividere i propri doni. 
- Auto-cura delle proprie capacità intellettuali e della salute in genere, ovvero lo sviluppo di una capacità endogena e di scelta atta a mantenere se stessi più che sani... Vivi! 
Noi vogliamo prima di tutto, che ognuno diventi in grado di curare se stesso/se stessa.

Questi sono I metodi da noi insegnati

   
VISUALIZZAZIONI  E STATI  DI  ALTA  CONCENTRAZIONE
In alcuni casi, la guarigione inizia con una visualizzazione o grazie ad uno stato non comune di concentrazione dovuto a un lavoro meditativo col Maestro: grazie a Leonardo Anfolsi molta gente, visualizzando qualcosa per la prima volta, ha trovato che fosse in quel momento una cosa davvero molto facile da fare e che fossero incredibilmente vividi sia i colori che le forme della visualizzazione, e che la richiesta di questa era in sintonia con la loro mente creando intuizioni e stati di profonda beatitudine.   
 
DIGITOPRESSIONE   REFLESSOLOGICA
In altri casi, la guarigione inizia con una pressione in alcuni punti relativi alla riflessologia plantare (podalica) cinese, indiana, egiziana o contemporanea, se non sulla colonna vertebrale, orecchie, mani, piedi.   
 
BIOENERGIA  RADIANTE
Altre volte la guarigione si manifesta con uno spostamento di energia ben percepibile, qualcosa di simile all'effetto di un ottovolante che lascia stupito qualcuno, che fa ridere o rendere coscienti di emozioni importanti, o che fa respirare profondamente.   
 
SOFFIO E RESPIRO
Il lavoro con il respiro è alquanto inspiegabile. Quando impariamo a respirare in alcuni punti possiamo percepire che il nostro sistema è attraversato da un flusso. L'impressione dura molto tempo. Il Maestro può insegnarci alcuni trucchi del respiro grazie ai quali possiamo superare le nostre sfide quotidiane. Alla fine il risultato è sempre una pace particolare della mente e una felicità sottile e persistente.  

EFT
La Emotional Freedom Techniques, o EFT (spesso conosciuto come Tapping o EFT Tapping) opera sulla premessa che non importa quale parte della nostra vita abbia bisogno di miglioramento, comunque ci siano di fondo sofferenze emotive. Anche per problemi fisici, dolore cronico o altre condizioni diagnosticate, è risaputo che qualsiasi tipo di stress emotivo può impedire l'attivazione del nostro potenziale naturale di guarigione. Con questo in mente, l'EFT può essere un processo continuo e un compito da svolgere a casa che usiamo per cancellare i vecchi traumi, e per imparare ad accogliere eventuali nuove sfide con un sano atteggiamento ancor più positivo.
 
ERBE MINERALI METALLI
In alcuni casi consigliamo l’uso di erbe, che possono essere usate come semplici, singolarmente o in sinergia, oppure preparate spagiricamente, cioé con l’antica arte di creare tinture potenziate.  Talvolta consigliamo anche l’uso di minerali e metalli appositamente preparati, da portare sulla persona.  

NITROGENO:  http://www.bonaenovae.org/another-life.html
 
Si prega di inviare il vostro ringraziamento e risultati della guarigione  a 
bonaenovae@yahoo.it 

Leggi i risultati in TESTIMONIANZE


Molte persone si sentono in dovere di finanziare la ricerca, probabilmente senza sapere che la farmacologia contemporanea è oramai impotente e facente parte del calcolo delle multinazionali farmaceutiche. Gran parte dell'attività di Leonardo Anfolsi è offerta gratuitamente o grazie a donazioni volontarie. Per finanziare la sua fruttuosa ricerca e i suoi continui sforzi nell'aiutarci chiediamo, a chi può, di considerare una donazione.





La Tua Salute

UN CONSIGLIO PER IL TUO BENESSERE

E PER LA TUA GUARIGIONE







​Noi pensiamo che è possibile curare la mente, l'energia e il corpo, e che ogni essere umano è "sempre un guaritore attivo" anche se non lo sa.  La guarigione è una questione delicata per molte ragioni. Di solito la gente pensa che il dolore o la malattia rendano qualcuno imperfetto, ma questo è solo uno dei più grossolani equivoci "spirituali": avere rispetto per qualcuno che soffre o ha de problemi significa considerare lui come una persona reale e completa, non solo come un “bisognoso” e ascoltarlo in stato di profondo silenzio.